AIDA Scuole – Associazione Italiana Direttori Amministrativi delle Scuole

Il Direttore amministrativo delle scuole ha sempre pagato l’appiattimento, ovviamente verso il basso, anche a causa dalla “fluidità” del ruolo, che quasi consentirebbe a chiunque di svolgere questa professione. Tale squalificazione ormai inveterata, non è più accettabile anche alla luce dell’evidente discostamento tra il vecchio ruolo di segretario e le nuove competenze professionali richieste al Direttore amministrativo della scuola, quale Pubblica Amministrazione. Bene è portare i sindacati rappresentativi della nostra parte, ma con il prioritario scopo di valorizzare l’identità associativa dei DSGA.Guardiamo l’esempio dato dalla categoria dei Dirigenti scolastici, che ha saputo acquisire una adeguata valorizzazione nella contrattazione collettiva. Ciò anche sfuggendo alla tentazione di farsi rappresentare esclusivamente dai canonici sindacati della Scuola, il cui scopo è quello, ovviamente, di contemperare i più disparati interessi degli operatori della scuola, nella “cinematica logica dei tesseramenti”.Tale ultimo approccio, che ha riguardato anche i Direttori SGA è stato, come risulta dalla evidenza dei fatti, fallimentare.Quello che Aida scuole chiede ai sindacati è un approccio centripeto in quanto quello opposto vanificherebbe, tutto lo sforzo propositivo messo in atto sino ad ora, dalla NOSTRA Associazione esclusivamente negli interessi della nostra CATEGORIA. Quindi, #nonaccettiamocaramelledaglisconosciuti

Roma, 20 giugno 2022

Giuliana Sannito

#aidametticilafaccia#iostoconAIDASCUOLE